Notizie Libera Professione

Giornata mondiale della FISIOTERAPIA, 8 settembre

AIFI Lazio festeggia la giornata mondiale della FISIOTERAPIA all’insegna del “LE MANI GIUSTE”, FISIOTERAPISTI IN FARMACIA”

Nella settimana dall’8 al 15 settembre i FISIOTERAPISTI del Lazio associati ad AIFI saranno presenti nelle farmacie secondo il protocollo di intesa nazionale con FEDERFARMA.

A Roma e nelle province del Lazio i FISIOTERAPISTI dell’AIFI incontreranno i cittadini per divulgare l’utilità di un corretto approccio fisioterapico, offriranno gratuitamente consulenze e valutazioni funzionali, spiegheranno quanto sia importante affidarsi a fisioterapisti titolati.

Per usufruire dell’iniziativa il cittadino potrà rivolgersi alle Farmacie che esporranno la locandina.

Per info sull’iniziativa: https://lemanigiuste.aifi.net/

Learn More

Libera Professione 24/09 dalle ore 19:00 – Prenotazione Obbligatoria!

Ricordiamo ai soci che la prenotazione è obbligatoria

Ricordiamo ai soci che

LUNEDI’ 24 settembre 2018 dalle h19:00

E’ confermato, presso la nostra sede in
Via Pinerolo 3 (00182 – Roma), il consueto incontro dedicato alla Libera Professione.

Saranno presenti:

Dott. Carlo Cacciotti: Commercialista

Dott. FT Piero Ferrante: Resp. AIFI Lazio per la LP e Vice Presidente AIFI Lazio
Dott. FT Mauro Tavarnelli: Resp. società L’Ergonomica SRL esperta in studi di fattibilità

L’incontro è riservato ai soli soci AIFI Lazio ed è completamente gratuito.

I colleghi sono a disposizione per chiarire ed approfondire problematiche e dubbi in merito alla Libera Professione nell’ambito fisioterapico.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

(! IMPORTANTE ! : Qualora non si raggiunga il numero minimo di partecipanti l’incontro sarà rimandato al prossimo mese)

COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE PER PRENOTARE:

 

Compilare il form per confermare l'incontro

6 + 9 =

Learn More

L’utilizzo dei documenti minimi per la libera professione

Il Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione dei dati personali sarà direttamente applicabile negli Stati membri a partire dal 25 maggio 2018. Abbiamo quindi pensato di aggiornare i documenti minimi per la libera professione particolarmente relativi al consenso al trattamento dei dati e alla informativa, cui seguiranno le indicazioni per il documento di programmazione ed il registro dei trattamenti.

Il nuovo Regolamento pone attenzione su tre elementi rilevanti: il tema della responsabilità nel trattamento dati, con specifica individuazione del responsabile (che nel caso degli studi professionali è il titolare), il tema dei limiti all’utilizzo dei dati e dei diritti del cittadino al corretto trattamento, specifiche procedure per istituzioni e grandi imprese.

Gli studi professionali, indipendentemente dalla loro dimensione, dalla struttura e dall’area di attività dovranno adeguarsi alla nuova normativa, anche se va subito evidenziato che la disciplina, anche complessa, è diretta particolarmente ad istituzioni e grandi società che trattano massivamente dati personali.

Il fisioterapista nell’esercizio delle sue funzioni ha accesso a dati che sono, per loro natura, particolarmente sensibili: essi possono infatti riguardare la salute, l’orientamento sessuale, situazione familiare, dati di minori etc, ed il loro trattamento obbedisce ad una logica specifica, diversa da quella dell’impresa commerciale, essendo intimamente connessa al rispetto degli obblighi deontologici, primo fra tutti l’obbligo di garantire il segreto professionale ed al rapporto di fiducia che lega il professionista al suo cliente: proprio la non utilizzabilità per terzi dei dati, nel rapporto professionale, consente un adeguamento “ragionato”.

 

Learn More

GIORNATA DELLA LIBERA PROFESSIONE – GRATUITA PER I SOCI AIFI – 08 CREDITI ECM

IL FISIOTERAPISTA E LA LIBERA PROFESSIONE
ADEMPIMENTI, FISCALITA‘, RESPONSABILITA’, ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E STRATEGIE COMUNICATIVE

 

Hotel Porta Maggiore
Piazza di Porta Maggiore, 25 – 00185 ROMA

09 GIUGNO 2018

ore 09:00 – 18:00
GRATUITO per i SOCI A.I.FI. (per i non iscritti: Euro 50,00)

AL TERMINE AVRA’ LUOGO L’ASSEMBLEA REGIONALE DI A.I.FI. LAZIO

8 CREDITI ECM

 

Learn More

Obbligatorietà del preventivo scritto nel trattamento fisioterapico

Dal sito aifi.net

Cambiamenti legislativi circa il preventivo di spesa e la sua indicazione al paziente

L’art. 1, comma 150, della Legge n. 124/2017 (ovvero la Legge annuale per il mercato e la concorrenza) ha modificato l’art. 9, comma 4, del Decreto Legge n. 1/2012, prevedendo che il preventivo di massima sul compenso debba essere reso al cliente

“in forma scritta o digitale”

La nuova disposizione di legge ha quindi innovato l’ordinamento solo per ciò che concerne la forma (scritta o digitale) che il preventivo deve avere. L’obbligatorietà per gli esercenti le professioni regolamentate di rendere un preventivo di massima al cliente era invece già stata introdotta dall’ art. 9, comma 4, del Decreto Legge n. 1/2012.
Tale disposizione statuisce, al comma 4, che la misura del compenso per le prestazioni professionali debba essere previamente resa nota al cliente, in forma scritta o digitale, con un preventivo di massima.

Il Codice Deontologico di A.I.FI. definisce anch’esso l’obbligatorietà di far conoscere al paziente il preventivo.
Art. 23 (ONORARIO PROFESSIONALE)

L’onorario professionale deve essere commisurato alla difficoltà, alla complessità e alla qualità della prestazione, tenendo conto delle competenze e dei mezzi impegnati.

Il Fisioterapista è tenuto a far conoscere preventivamente alla persona il suo onorario e ad acquisire il consenso sullo stesso, può, in particolari circostanze, prestare gratuitamente la sua opera purché tale comportamento non costituisca concorrenza sleale o illecito accaparramento di clientela.

Alla luce di quanto sopra, l’A.I.FI. consiglia ai fisioterapisti di non fermarsi ad un preventivo verbale ma di procedere con la forma scritta o digitale e di farla approvare dal paziente.

La conseguenza di un eventuale mancanza del preventivo si manifesterebbe nel caso di contestazione della prestazione o del suo ammontare, non potendo il fisioterapista dare prova dell’assenso del paziente.

 

Learn More

Ordine: Atto Primo

Da oggi i Tecnici Sanitari di Radiologia medica hanno un ordine professionale nel quale confluiscono i collegi dei Tsrm e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

Si apre così un ampio panorama fatto di opportunità, confronto e cooperazione grazie al clima collaborativo tra il Ministero della Salute, i Tsrm e il Conaps.

Nella riunione di lunedì scorso sono state condivise sia le indicazioni per i Tsrm, che manterranno vive le loro rappresentatività e operatività all’interno dei neocostituiti Ordini, che quelle per le altre professioni, ponendo le basi del decreto ministeriale che istituirà gli albi, indicherà chi dovrà implementarli e fornirà gli elementi temporali da rispettare per arrivare, entro il marzo del 2021, all’elezione del primo Comitato centrale della nuova Federazione nazionale.

I rappresentanti delle professioni che afferiscono all’Ordine hanno già aperto il tavolo del confronto e della cooperazione: sabato 10 febbraio c’è stato l’incontro organizzato da Unid, oggi quello di Antel, sabato 24 e domenica 25 ci sarà quello organizzato dai Tsrm aperto ai rappresentanti di tutte le professioni sanitarie.

Quello che era un obiettivo statutario inseguito per decenni da AIFI oggi è una realtà da vivere con passione, responsabilità e competenza, nell’interesse dei professionisti che quotidianamente operano a favore delle persone assistite.

Learn More